Condividi Segnala a facebook Segnala a Google Segnala a delicious Segnala a oknotizie Segnala a Microsoft Life Segnala a segnalo
Confederazione Italiana Agricoltori Provincia di Pisa

Un giusto valore alle produzioni agricole per un giusto reddito agli agricoltori

Home » Notizie » Eventi

Pubblicato il 08/12/2011 - 19:10

Aggiornato il 08/12/2011 - 19:37

 

TAVOLA ROTONDA

-Un giusto valore alle produzioni agricole per un giusto reddito agli agricoltori-

10 DICEMBRE 2011
Fornacette -Parco della Fornace- 9,30-12,30

A FINE MATTINATA BUFFET CON PRODOTTI LOCALI

 

“La nostra agricoltura sta attraversando una delle più gravi crisi dal dopoguerra ad oggi. I primi dati del censimento ISTAT ci dicono che dal 2000 al 2010, in Toscana si sono perse il 38% delle aziende agricole e purtroppo questa tendenza non si è assolutamente interrotta.
La motivazione principale di questo fenomeno va ricercata nella mancanza di redditività di questa attività.
E' necessario ed urgente rafforzare, sostenere o attivare, tutte quelle iniziative che riportino il settore primario ed essere un'attività remunerativa per gli operatori.
Noi siamo convinti che sia necessario agire essenzialmente su due fronti:
a) sensibilizzazione dei cittadini e delle comunità, orientata ad innalzare il livello di considerazione verso l'atto di “mangiare”. In particolare facendo emergere il valore sociale, economico e politicodi tale atto.
E' necessario convincerci che le nostre scelte alimentari incidono in maniera determinante sulla nostra salute, sull'ambiente, sul paesaggio e sulla coesione sociale.
b) intervenire nella filiera agro-alimentare al fine di razionalizzarne i passaggi e bilanciare a favore della produzione il dato attuale che prevede, considerato 100 il valore di un prodotto al consumo, solo 18 per l’agricoltore, 23 per la trasformazione e 60 per la commercializzazione.
Per la nostra agricoltura sono essenziali tutte le forme di commercializzazione possibili. La vendita diretta, i mercati locali, i GAS (Gruppi Acquisto Solidale), le mense pubbliche, la ristorazione, l' e-commerce, la GDO (Grande Distribuzione Organizzata) e l'export. Tutte hanno la loro funzione e tutte devono essere sostenute in un'ottica di valorizzazione del legame al territorio, salubrità, sostenibilità, sicurezza e consapevolezza alimentare.”

Francesca Cupelli – Presidente Cia Pisa

 
realizzato da Navigalibero